IL PARADOSSO DELLA GELOSIA: QUANDO ESSERE GELOSI ROVINA IL RAPPORTO

IL PARADOSSO DELLA GELOSIA: QUANDO ESSERE GELOSI ROVINA IL RAPPORTO

Condividi cliccando su una delle seguenti icone:

La gelosia è il disagio che si prova all’idea di perdere l’affetto o l’attenzione di una persona che conta ed è un fenomeno normale in tutti i rapporti umani: è presente sia nell’amicizia, sia nella coppia, ed è legata all’idea di poter essere messi al secondo posto da un amico o dal partner, vedendosi quindi preferire qualcun altro.

La maggior parte delle persone si dichiarano a volte un po’ gelose, soprattutto quando nutrono forti sentimenti di attrazione e di amore per il proprio partner, e un po’ di sana gelosia a volte aiuta a creare dinamicità nel rapporto.

Ma se una scintilla è in grado di illuminare una stanza, una fiammata rischia di bruciarne il suolo.

Quando infatti la gelosia è sproporzionata, sfocia in una dipendenza emotiva sempre maggiore dal partner e nell’angoscia di rimanere da soli, portando inesorabilmente alla rovina del rapporto.

Conseguenza diretta di una gelosia eccessiva è la cosiddetta “profezia che si autorealizza”: i continui sospetti, le accuse, i litigi e le ostilità, non fanno altro che aumentare la distanza tra i partner. La persona gelosa, insicura e impaurita al solo pensiero di perdere l’altro o di essere tradita, inizia a controllare il partner per sapere tutto sulla sua vita, a spiarlo, a chiedere continue rassicurazioni, ossessionata dalla necessità di sciogliere ogni dubbio.

Questo è il paradosso della gelosia: quello di ottenere proprio ciò che più si teme. Stremato dai continui litigi e dalle continue giustificazioni che è costretto a trovare per appianare le discussioni, il partner oggetto della gelosia tenderà a tenere all’oscuro il partner geloso da certe informazioni, nel tentativo disperato di evitare scenate e mantenere nella coppia una apparente tranquillità. Ma, paradossalmente, il partner geloso diverrà ancora più sospettoso, trovando conferma ai dubbi che lo attanagliano.

Quindi, ciò di cui devi avere veramente paura è di continuare a sottoporre il partner alle tue pressioni, perché è proprio questo che potrebbe indurlo a fare ciò che vuoi evitare che accada. Il modo migliore per mantenere una buona relazione è quello di lasciare il partner completamente libero di scegliere come comportarsi.

COME SUPERARE LA GELOSIA RIACQUISTANDO FIDUCIA NELLA COPPIA?

Se sei tu ad essere geloso:

  • Accetta questa paura piuttosto che combatterla: essere traditi è purtroppo un’eventualità di cui tener conto in un rapporto di coppia. Essere pronti ad accettare ed eventualmente modificare situazioni che non ci piacciono fa parte di un rapporto maturo ed equilibrato. Ricorda che “Se si vuole amare qualcuno correttamente, bisogna essere disposti a perderlo”.
  • Smettila di confrontare te stesso con gli altri: questo atteggiamento è indice di bassa autostima e non porterà mai delle risposte utili al rapporto; al contrario, finirà per esaltare i tuoi lati negativi realizzando le tue paure.
  • Evita di usare la ripicca per dimostrargli/le che anche tu sei ricercato/a e desiderato/a: questo non farà che allontanarlo ed aumentare i dissapori nella coppia.
  • Allenta la presa: è inutile negargli di vedere un amico o un collega che reputi attraente. Ricorda che ai suoi occhi può essere (e probabilmente è) molto meno attraente di quel che tu credi!

Se invece sei dalla parte di chi subisce la gelosia:

  • Evita di restare intrappolato nella sua rete: evita di rispondere alle richieste di rassicurazione del partner, di discolparti, di cercare di far capire all’altro che ciò di cui ha paura è solo una sua impressione priva di ogni fondamento
  • Evita di giustificarti: se lo fai, agli occhi dell’altro, è perché probabilmente sei colpevole, quindi non farai altro che rafforzare le sue convinzioni.
  • Non annullare i progetti fatti con i tuoi amici e non tagliare i ponti con le persone importanti della tua vita: ancora una volta, assecondare la sua gelosia significa confermarla e farla aumentare.

Bibliografia
Nardone, G, Correggimi se sbaglio, 2005, Ponte alle Grazie